logo_psoe.jpg

Io ho da dire solo una cosa molto personale.
La notte del 28 ottobre 1982, c’era una ventenne che festeggiava, in una piazza spagnola, la vittoria della democrazia, della voglia di pace e, anche, del coraggio di una società spagnola che dimostrava di essere, semplicemente, grande.
Gli anni successivi lo hanno confermato: la Spagna è un grande paese.

Stanotte c’è un altra ventenne, in una città spagnola, e starà festeggiando il primo voto della sua vita e la gioia di una vittoria (con le stesse immagini negli occhi, con la stessa rosa) che è anche sua.
E che è, ancora, una vittoria della democrazia, della voglia di pace e, oggi persino più di allora, del coraggio.

Enhorabuena, Ale. Con tutto il cuore.
A te e alla tua (ma anche nostra) Spagna.
Il futuro è vostro. Trattatelo benissimo.

(Te quiero.)