ventilatore.jpg

Vediamo: io ho fatto una querela che, tra le altre cose, comporterà che si arrivi a capire come è finita quella email al Corriere.
Al di là delle chiacchiere e delle illazioni.
Credo che sia un desiderio legittimo e condiviso.

E siccome i fatti esistono, e non sono soffocabili da nulla, mi attengo serenamente a quelli e mi astengo dall’intervenire in altri polveroni. Ho un avvocato, la certezza delle mie ragioni e molta voglia di chiarire questa storia.

Le priorità hanno un loro senso.
Mettermi a fare altro, al momento, sarebbe privo di utilità.
Oltre che antiestetico.