Al Jazeera e i dubbi dei blogger

27EE4359CC5D4FEC811D6B3567277D57.jpg

Non so se è la prima volta che un mezzo di informazione del peso di Al Jazeera dedica tanta attenzione alle voci che circolano sui blog.
Loro, comunque, lo stanno facendo sul caso Berg, con l’articolo: “I blogger sollevano dubbi sul video dell’esecuzione“.

Le perplessità esposte sono, tra le altre:

The body is completely motionless even as the knife is brought to bear ? not so much as an instinctive wriggle.

Some claim that cutting the throat’s artery would cause a significant amount of blood to gush out. But little emerges and when the head was raised ? not a drop of blood is seen to fall.

Although the site has now been shut down, Aljazeera.net looked at the site within 90 minutes of the story breaking ? and could find no such video footage.
But Fox News, CNN and the BBC were all able to download the footage from the Arabic-only website and report the story within the hour.
(Questa è di Al Jazeera, non dei blogger)

Why would a private Jewish American citizen choose to wander around Iraq by himself?

Additionally, some have pointed out that his last email on 6 April to his family stated he wished to return home as soon as possible ? yet the FBI claims he refused an offer of help to get home. (Qui, scusatemi: non è che una voglia fare dietrologia a tutti i costi, ma chiunque abbia visto Missing di Costa Gravas – basato su una storia vera – non può reprimere un brividino.)

Many deny the accent is either Iraqi or Jordanian – while claims the voice is Egyptian or Iranian have been made.
The Jordanian accused of the beheading Berg is himself believed to have been killed in March, according to two Islamist groups.
An eight-page leaflet circulated this week in Falluja said Abu Musab al-Zarqawi was killed in the Sulaimaniya mountains of northern Iraq during a US bombing.
But even if it were the Jordanian, one discussion room member observes his face is so well-known that “why would he bother to cover it?”

Al Jazeera non cita i blog che avrebbero sollevato questi dubbi e fa malissimo: se vuoi dare la notizia, dalla tutta.

Cercando un po’ in rete, comunque, ho trovato questo (leggere anche il post successivo), questo (considero Kurt bravo ed è tra i miei link da una vita), questo, questo, questo, questo
Insomma, è inutile metterli tutti. Esistono, questo è ciò che volevo sapere.

Altra cosa. Mentre ero lì che cercavo, sono incappata anche in questo:

Globe caught with pants down: Paper duped into running porn photos.

Si tratta del Boston Herald che sbertuccia il Boston Globe, il quale è incappato nella ormai famosa bufala delle foto porno sul tema della violenza alle donne irachene e le ha prese per vere.

Se solo leggessero i blog, quelli del Boston Globe…

(Via Politics in the Zeros)

Infine.
Qualcuno si lamenta di una vecchia vignetta postata tempo fa su questo blog, peraltro accompagnata da considerazioni che dispiace siano passate inosservate.
Si tratta di Carlos Latuff, disegnatore brasiliano molto conosciuto, e la vignetta era parte di una serie che credevo famosissima. Evidentemente non lo è abbastanza.
In Italia, la stessa serie – con la stessa vignetta come introduzione – è stata pubblicata anche da GranBaol.

Contrito aggiornamento:

Come diamine ho fatto a farmi sfuggire Network Games??

Questo articolo è stato pubblicato in Egitto e Medio Oriente. Aggiungi ai preferiti: link permanente. I commenti ed i trackbacks sono attualmente chiusi.

Comments Closed

13 Commenti

  1. Francesco
    Pubblicato 14 maggio 2004 alle 09:00 | Link Permanente

    Ci troviamo in un momento storico visto e stravisto: chi ha il potere (quello vero, attenzione) sa come manipolare e gestire al meglio qualsiasi situazione congeniale e favorevole per tirare l’acqua al suo mulino. Ora, io credo, che prendendo per ipotesi possibile (dato che non ci sono elementi neanche per escludere questo) che perfino l’11 settembre sia accaduto con, quantomeno, la complicit? delle istituzioni statunitensi, ci si possa tranquillamente aspettare un’altra messinscena come questa (ammesso che lo sia), senza batter ciglio. D’altronde ? storia, come dicevo, trita e ritrita: se solo la gente si degnasse di conoscere un minimo di storia antica saprebbero che questi sistemi erano usati fin dai Babilonesi, per passare attraverso i vari Regni Egizi, l’Impero Romano, il Medio Evo, e fino a noi. E’ storia recente, per parlare di una situazione eclatantemente smascherata, la propaganda di Goebbels durante il Terzo Reich, no? Il paragone ? azzardato? Meno di quanto si possa credere. E chi ha un po’ di conoscenze al riguardo, lo sa.

    F.

  2. rita
    Pubblicato 14 maggio 2004 alle 11:04 | Link Permanente

    Molto importante questa segnalazione…. sono dubbi pi? che legittimi che purtroppo sulla stampa ufficiale non compariranno mai… anch’io credo che si tratti di una manipolazione.
    Tra l’altro, quella tuta arancione sembra proprio originale americana (dubito che sia di produzione irachena!)
    Ciao.

  3. daniela
    Pubblicato 14 maggio 2004 alle 12:39 | Link Permanente

    e su larepubblica.it c’e’ questa notizia a margine:
    Washington, 10:30
    Iraq, Cnn: Berg in contatto con attentatore 11/9

  4. Pubblicato 14 maggio 2004 alle 14:06 | Link Permanente

    Interessante, come sempre. Credo che la verit? sia “al confine”, diciamo… ma non ho ancora guardato tutti i link che segnali.
    (Non c’entra nulla, ma adoro quel contatore con i numeri arabi! Mi piacerebbe averlo… qualche suggerimento? Tieni conto che non capisco nulla di html)

  5. qarmida
    Pubblicato 14 maggio 2004 alle 19:08 | Link Permanente

    Io il video dell’uccisione me lo sono guardato tutto, ed ? stata una lunga attesa che mi ha fatto sentire vagamente morbosa, ma volevo vedere il momento finale…. a me sembra tutto vero, e mi sembra che di sangue ce ne sia abbastanza per poter convincersi che purtroppo lo hanno davvero decapitato, e per di pi? in un modo tale che deve anche avere molto sofferto, e lo tenevano fermo, e pareva che gridasse (non ho il sonoro, forse meglio cos?). Mi dava anche l’impressione che potesse essere drogato al fine di indurlo ad una semi immobilit? che avrebbe loro facilitato il compito. Purtroppo comunque ce la giriamo la cosa ? successa, e Berg sembrava ancora vivo, non credo di poter percepire il contrario. D’altro canto cambierebbe forse qualcosa se avessero fatto questo su un uomo gi? cadavere? Ne avrebbero fatto comunque indegno scempio. Permangono comunque dubbi, almeno per me, circa l’abbigliamento che sembrerebbe pi? plausibilmente di dotazione statunitense e sulle identit? degli uccisori, poich? erano incappucciati a dovere. Nulla posso dire, ripeto, su ci? che fa parte del sonoro, perch? non ho udito nulla e nulla ricordo di ci? che ho udito i giorni scorsi in tv, ma… come la mettiamo la mettiamo, l’uomo ha in se i geni della carogna. Come diceva il Belli, forse ? vero che “ogni omo vivo ar monno ha una testa de morto in de la testa”…. e molto pi? un assassino che un assassinato, a meno di non essere entrambi.
    Sono triste, ragazzi e ragazze… e basta.

    saluti da qarmida

  6. Guido
    Pubblicato 14 maggio 2004 alle 20:28 | Link Permanente

    Qarmida : In effetti che sia morto io non ho alcun dubbio, ma il dubbio ? piuttosto su “chi” lo abbia ucciso…soprattutto mi sembra sospetta la storia sull’11/9 unita al fatto che lo abbiano arrestato giusto prima che fosse ucciso…ma, io mi chiedo, lo avranno davvero liberato? :-?
    Tra parentesi credo che alla CIA ci sia sicuramente gente che parla arabo e se non ? la CIA pu? essere qualche servizio segreto di un Paese mediorientale dove gli agenti certamente parlano arabo…la storia della tuta arancione mi sembra davvero strana…se lo catturano con i suoi abiti si capisce che magari gli diano degli abiti locali…se lo hanno catturato che cercava lavoro perch? mettersi quella tuta? Le tuta arancioni non sono mica quelle di Guantanamo?
    Odio fare “dietrologia”, ma qualche dubbio mi viene…spesso attorno alle robe che fa ‘Al-Qaeda’ ci sono un sacco di stranezze a ben vedere! :-/
    Guido

  7. Pubblicato 14 maggio 2004 alle 21:25 | Link Permanente

    lia, per? non capisco dove al jazeera e tu vogliate andare a parare. voglio dire: il senso di tutto questo ? che forse zarqawi ? fondamentalista islamico come te e me (quello che va supponendo beppe caravita da mesi)? o che sotto quelle maschere non c’? davvero zarqawi? o che quella fosse solo una bambola, o un cadavere gi? ammazzato, o un suicidio un po’ strambo? davvero non capisco quale sia la tesi.

  8. qarmida
    Pubblicato 15 maggio 2004 alle 00:06 | Link Permanente

    Guido… forse non mi hai capito… anch’io potrei nutrire, e forse li nutro, dei dubbi su chi veramente abbia ucciso quell’uomo in quel modo. Resta il fatto che forse accuso un po’ di stanchezza anche nello stare a fare sempre dietrologia, od analisi fantapolitica. Poi comunque di folli sanguinari ? pieno il mondo, sotto qualsiasi bandiera, a qualsiasi latitudine, ma non ? neanche questo il punto. E’ che si perde l’orientamento ed alla fine ci si domanda… come si possa uccidere in quel modo, CHIUNQUE lo abbia fatto, o lo faccia, o lo continui a fare. Io me lo domando, perch? non sarei capacce di tirare il collo ad una gallina. Anche la questione delle torture. Come si pu?? Ed in entrambi i casi mi vengono in mente le droghe, come coadiuvanti di scempi d’ogni tipo, intendo… poich? chi ci dice che non ci sia dietro, in entrambi i casi, ripeto, CIA o non CIA, Mossad o cos’altro non so…una filiera di scuole di addestramento alla crudelt?, al male per il male, il male per far stare male, e per alimentare sempre pi? spirali incontrollabili di morte che possono solo servire a chi della morte fa un disgustoso business?
    In conclusione, sento salire l’odore del sangue, ed ? nauseabondo abbastanza, tanto da indurmi a non distinguere forse neanche pi? a chi giova e a chi no. Di certo non alla gente comune, non a quel mondo, quel contesto di popoli che tanto ho imparato ad amare, apprezzare e conoscere, ne alla societ? nella quale sono nata e cresciuta e che comunque ho cara perch? ? pur sempre, nel bene e nel male, uno dei tanti nidi di questi folli uccelli senz’ali e senza pi? nemmeno vento che siamo noi esseri umani.

    Assalamaleikum a tutti da qarmida

  9. lia
    Pubblicato 15 maggio 2004 alle 00:49 | Link Permanente

    Io, Delio?
    Io scrivo solo quello che scrivo: in questo caso, che Al Jazeera ritiene i dubbi dei blogger (le loro opinioni) degni di citazione.
    Quando voglio andare a parare altrove, lo dico. :)

  10. Pubblicato 15 maggio 2004 alle 10:15 | Link Permanente

    lia, scusa, mi sono espresso male. non volevo dire che tu insinui qualcosa. dico solo che tutti gli elementi di dubbio che tu riporti sono interessanti, ma che mi sembra molto difficile ricostruire un quadro d’insieme. in particolare, non capisco la questione dell’assenza di sangue e della mancanza di reazioni di berg.

  11. Pubblicato 16 maggio 2004 alle 20:01 | Link Permanente

    aggiornamento: ne parla psycho qui: http://www.livejournal.com/users/drpsycho/162928.html
    (il tono ? quello goliardico che gli ? usuale, ma credo che le osservazioni siano tecnicamente corrette.)

  12. lia
    Pubblicato 17 maggio 2004 alle 01:55 | Link Permanente

    Gazie, Delio. Letto. Risegnalo anche Network Games, comunque.

  13. Pierina Bruegel Broccoli
    Pubblicato 1 giugno 2004 alle 22:14 | Link Permanente

    e c’? anche questo… meglio escludere le immagini dalle Opzioni di internet, almeno in un primo momento.
    Dice cose abbastanza strane, ma la paranoia va tanto di moda…

    http://www.aztlan.net/berg_abu_ghraib_video.htm

2 Trackbacks

  1. Scritto da MauriceReeves.com il 14 maggio 2004 alle 15:50

    Two Things I Heard Yesterday That I Don’t Understand

    Israelis as a people are well-armed. A lot of them carry guns in ordinary life, in fact, at least one parent or teacher chaperoning field trips are required to carry weapons to protect the children from attack. Gun permits…

  2. Scritto da Network Games il 14 maggio 2004 alle 16:14

    Vittima sacrificale?

    C’ ? qualcosa di strano nella morte per decapitazione di Berg Il Padre sostiene che fu persino messo in prigione dagli americani: I have a written statement from the State Department in Baghdad …

  • Email

    haramlik at gmail.com
  • Pagine

  • Commenti recenti

  • Categorie

  • Archivi

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported License.