Archivio delle etichette: terrorismi

La Palestina, la sinistra ufficiale e il silenzio

Notavo, prendendo spunto da quello che leggo sui vari socialini, che la visione più politicamente corretta sul conflitto palestinese è, attualmente, il silenzio. Un silenzio anche rivendicato, come unica risposta alla complessità, come generosa ripartizione di torti e ragioni che non può non tradursi in afasia e che, anzi, deve farlo. In omaggio a una [...]

Pubblicato in Parlare di Israele? | Altre etichette, , , , , | 13 Commenti

L’Haramlik va a Guantánamo

Guantánamo è varie cose: è una cittadina cubana non particolarmente turistica, con poco da vedere. E’ una baia ampia e molto bella, circondata da colline, che ospita tra le altre cose delle pregiate saline. Il sale di Guantánamo, dicono, è il migliore di Cuba. E poi è, come tutti sanno, una base americana che serve [...]

Pubblicato in América, Cuba | Altre etichette, , , , | 4 Commenti

Las Tunas, ma senza italiani

Sarà anche piccola e polverosa, Las Tunas, ma in pochi metri passo davanti a un recital di poesia lungo la strada principale, contemplo un’orchestra che prepara gli strumenti per fare musica all’aperto, poi una chiesa quacchera, la sede di una loggia massonica, poi fotografo due ragazzi che suonano la tromba per conto loro in mezzo [...]

Pubblicato in América, Cuba | Altre etichette, | 2 Commenti

Il Salvador ufficiale

Il monumento alle vittime dei massacri e degli omicidi compiuti in Salvador da militari e paramilitari sembra, come spiegavo altrove, sconosciuto ai più. In compenso, tutti sanno dov’è il museo di Storia Militare: il taxi ti ci porta senza esitazioni e, dentro, è pieno di ragazzini e ragazzine in visita. Già dalla prima sala in [...]

Pubblicato in América | Altre etichette, , , | Commenti chiusi

Il Salvador, dicevamo

San Salvador è praticamente l’inferno in terra. Arrivi dal sano, piacevole Nicaragua, e l’impatto è devastante. Nella foto, una comune gabbia casa in un quartiere qualunque della città. Notare che le sbarre sono anche sopra, è impossibile penetrare da qualsiasi lato. E la gente vive così, il taxista non capiva cosa avessi da fotografare. Gli [...]

Pubblicato in América | Altre etichette, | Commenti chiusi

San Salvador 1: il monumento alla Memoria che nessuno conosce

Mi pareva di essere un’idiota: io che insistevo col chiedere dove fosse il Monumento alla Memoria e alla Verità, dedicato alle vittime degli orrori salvadoregni, e nessuno che sembrasse sapere di cosa stessi parlando. In tutta San Salvador. In albergo mi avevano guardato straniti. Il tassista non ne aveva mai sentito parlare. Alla centrale dei [...]

Pubblicato in América | Altre etichette, | Commenti chiusi

Solo dolore

Sono troppo lontana per riuscire a credere davvero che l’Egitto, come l’ho conosciuto, possa smettere di esistere. O per fare mia la frase “ho perso le speranze” di amiche carissime che sono lì. Non sono preparata a un simile lutto, non voglio viverlo, in questi momenti mi mancano gli strumenti per pensare alcunché. Seguo in [...]

Pubblicato in Egitto e Medio Oriente | Altre etichette, , , | Commenti chiusi

Ideali

I paesi la cui identità si basa su una forte carica ideologica hanno il costante problema delle nuove generazioni. Come fai a tramandare la tensione ideale da cui scaturiscono i comportamenti che devono caratterizzare la società che hai costruito, che la tua bandiera rispecchia? Se vivi in pace, è un casino. Guarda Cuba. Il ragazzo [...]

Pubblicato in Cuba, Egitto e Medio Oriente, Parlare di Israele? | Altre etichette, , , | Commenti chiusi

Dicesi innocenza

L’aneddoto della settimana arriva dall’Egitto, invece, e lo racconta la mia amica Julia, prof spagnola del Cervantes del Cairo. E’ andata così: Alunni egiziani: “Ma come mai il Cervantes è stato chiuso in questi giorni? Per le manifestazioni che ci sono in Spagna?” Julia: “No, è stato perché una rivista spagnola ha pubblicato delle caricature [...]

Pubblicato in Cose di Spagna, Egitto e Medio Oriente | Altre etichette, , , | Commenti chiusi

Da incidere sulla pietra

Arriva da una mailing list, è uno stralcio di conversazione riferito ad altro ma lo prendo, lo faccio mio e lo dedico all’Egitto: Ma il giornalismo non deve lasciarsi andare all’istinto islamofobo, e quindi prestare orecchio a chi provoca gli istinti di un pubblico tendenzialmente pronto a credere a chiunque per confermarsi nell’opinione che questi [...]

Pubblicato in blog, Egitto e Medio Oriente, giornalismo cialtrone | Altre etichette, , , , | Commenti chiusi
  • Email

    haramlik at gmail.com
  • Pagine

  • Commenti recenti

  • Categorie

  • Archivi

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported License.