CAEP4FUR.jpg

Sto per dare una notizia-bomba: l’Iran non è il solo paese secondo cui Israele non dovrebbe esistere.
Dello stesso avviso sono anche l’Afghanistan, l’Algeria, il Bangladesh, le Comore, Gibuti, l’Indonesia, l’Iraq quando si riesce a esprimere, il Kuwait, il Libano, la Libia, la Malesia, l’Oman, le Maldive, il Pakistan, il Qatar, l’Arabia Saudita, la Somalia, il Sudan, la Siria, la Tunisia, gli Emirati Arabi Uniti, lo Yemen e chissà se me ne sono dimenticati un po’.
Curiosamente, si tratta di paesi in cui non si ricordano Olocausto e camere a gas, persecuzioni contro gli ebrei condotte per secoli o cose così: stiamo mica parlando di Russia, Polonia, o di Spagna, o anche di Italia o addirittura di Germania, gessù.
Si tratta, semplicemente, di paesi contrari al fatto che ci sia Israele. Non che ci siano gli ebrei. Che ci sia Israele.
E questo non perché non riconoscano “il diritto degli ebrei ad avere una terra”.
Semplicemente, non gli riconoscono il diritto di portarla via ad altri.
Tutto qua.

Fin qui ci siamo, giusto?
Niente di nuovo, no?
Ok.

Poi arriva questo presidente iraniano un po’ grezzo, populista assai, noto per essere stato eletto dall’Iran descamisado con gran disdoro di blogger e intellettuali (vatti a fidare delle elezioni, signora mia) che, intervenendo a un convegno davanti a 3000 studenti, si fa il suo bagnetto di popolarità ribadendo ciò che chi non riconosce Israele ha sempre detto: che Israele non dovrebbe esserci.
Frase inoppurtuna e non geniale per mille motivi, siamo d’accordo. Ma “frase”, appunto.
Noi che abbiamo Berlusconi e Calderoli ne sentiamo molte, di frasi grezze e inopportune.

Peccato che, dall’altra parte, non si sia né grezzi né populisti né, tanto meno, descamisados: Israele (che intanto sta bombardando i suoi carcerati di Gaza, non vorrei dire) ti monta su un casino che neanche se le avessero dichiarato guerra e avesse gli iraniani alle porte, e mezzo mondo segue compatto.
Stupore.
Raccapriccio.
Scandalo.
Ma quando mai si era sentito, che qualcuno non riconoscesse Israele??

L’iraniano ci rimane un po’ male: fa notare che l’alzata di scudi occidentale gli pare un pelicchio strumentale, visto che saranno 30 anni che l’Iran è su queste posizioni, ma poi il temperamento nerboruto emerge, la necessità di non perdere la faccia in Medio Oriente è quella che è e il Nostro decide di non farsi mettere all’angolo ed eccolo là: solo contro il mondo e, immagino, segretamente convinto che il pianeta vada proprio alla rovescia.

Perché quest’epoca politicamente corretta è bizzarra assai: gli USA possono invadere e distruggere un paese sovrano protetti da un mare di comprovate balle, e non succede nulla.
L’Italia può partecipare festosa allo scempio salvo poi ammettere di avere sempre saputo di stare sbagliando, e non succede niente.
Israele può chiudere a chiave un milione e mezzo di palestinesi, buttare via la chiave e mandare gli aerei a bombardarli (ora, mentre parliamo) e non succede nulla.

L’iraniano fa un discorso a 3000 studenti, invece, e apriti cielo.

Poi, naturalmente, io so/che voi sapete/che io so che, dopo avere frantumato l’Iraq, si vorrebbe frantumare anche l’Iran.
Non è una novità, giusto?
E che sarebbe meglio che l’Iran fosse disarmato, per potere procedere più agevolmente. Lo sanno tutti: i paesi, prima vanno disarmati e poi vanno invasi.
Come in Iraq, esatto.

Ma facciamo anche finta di non saperlo, è lo stesso.
Rimane il fatto che il paese mediorientale meno minacciato dal mondo, nel nostro XXI secolo, è Israele. (Quello più minacciato, assieme alla Siria, è l’Iran.)
Che il paese più e meglio armato, è Israele.
Che il paese che ha un arsenale atomico “clandestino” e illegale sufficiente a raderne al suolo dodici, di Iran, è Israele.
Che il paese che ha le mire espansionistiche più note, dichiarate e tenacemente perseguite nell’area, è Israele.
Che il paese che quotidianamente spedisce il proprio esercito a sparare su civili fuori dalle proprie frontiere, è Israele.
Eccetera.
Eccetera.
Eccetera.

E noi, che si fa?
Si va tutti a una grande manifestazione per difendere… Israele.
Perché Tizio (il populista descamisado con l’Iraq alla frontiera e il fiato USA sul collo) “ha detto”.
Non perché Tizio abbia “fatto”.
Perché “ha detto”.
E quindi l’esistenza di Israele “è in pericolo” e noi si corre tutti a difenderla, scapicollandoci.
Ma il senso del ridicolo, dico io. No, eh?
No.
Faccia di tolla, invece, tanta.

Io ci troverei anche dell’ironia, in questo nostro demenziale momento storico, se non fosse per l’agghiacciante frase che ho letto poco fa:

Gli ebrei italiani verificheranno attentamente chi parteciperà alla manifestazione e chi no. Non c’è dubbio che chi eviterà di partecipare e non ci sarà sarà considerato un nemico non solo di Israele ma anche degli ebrei italiani.

Ma davvero?
Be’, caspita.

Io, francamente, non ho molto piacere che qualcuno “verifichi attentamente” se io o chi mi rappresenta va o non va a una manifestazione.
Pensavo che le manifestazioni forzate, fatte per non passare per nemici della patria, ce le fossimo lasciate alle spalle.

E poi vorrei capire che cosa vuol dire, esattamente, “essere considerato un nemico di Israele e (!) degli ebrei italiani”.
No, perché ad essere considerati nemici di Israele, per esempio, se ne passano, di guai, volendo.
Mica è come essere considerati nemici da Peppino.
Bisogna preoccuparsi?
Bisogna spaventarsi?
Io, sì, sono un po’ spaventata. Sai com’è.

Però mo’ dichiaro su un pubblico blog che mi pare ozioso e un po’ sfrontato correre in blocco a manifestare per un paese che non è affatto in pericolo, quando lì accanto facciamo guerre, distruggiamo, devastiamo, rapiniamo e teniamo oggettivamente in pericolo interi popoli che, di fatto, in pericolo ci si sentono. Eccome.
Lo trovo sciocco, inutile e strumentale.
Dichiaro che è da foche ammaestrate, questo reagire compatti a delle parole d’ordine che ci riportano a scenari di Olocausti che appartengono alla nostra storia e non a quella di coloro contro cui ci scagliamo adesso sentendoci i puri d’animo, i giusti, nel pezzo di mondo che aiutiamo a distruggere pur “sapendo che è sbagliato”.

E siccome non è pensabile che i nostri politici e intellettuali non lo sappiano, quali sono i veri giochi di potere che vanno in scena in Medio Oriente, non mi sfugge (ahimé) il vero senso di questa pubblica conta, di questa lista di nomi verificati attentamente.
Ah, a proposito: salutatemi Fassino, mi raccomando.

E ora che l’ho detto?
Che succede, ora che l’ho detto?
Sono considerata “nemica” di chi?
E che mi fanno?
Mi picchiano, mi epurano, mi indagano, mi arrestano, mi rovinano, mi esiliano, che mi fanno?
Se io penso e dico e scrivo che ritengo che ci sia ben altro su cui manifestare, a proposito di Medio Oriente, quale crimine commetto?
Se lo fa qualcuno che mi potrebbe rappresentare, in quale lista nera finisce?
No, per sapere.

E infine: ma l’equazione Israele/ebrei mondiali, non era antisemita?
Ah, non è dato saperlo.
Per cui, se io penso che un ebreo italiano (chessò, un giornalista) non è obiettivo verso Israele, sono antisemita.
Se penso che invece lo può essere tranquillamente perché essere ebrei non significa necessariamente essere sionisti, sono antisemita lo stesso.
Non mi è permesso distinguere le due identità perché, se non vado a una manifestazione pro-Israele, sono considerata nemica da entrambe.
Ma non mi è permesso nemmeno unirle perché “come ti permetti, idiota di un’antisemita”.
Be’: scusate, ma una si confonde.
Chiedete per favore a Riccardo Pacifici come ci deve regolare, sull’argomento, perché io non lo so più.

E mi stanno cominciando pure a girare un po’ le palle, detto fuori dai denti, ché quello che io sono o non sono lo decido io, non il signor Pacifici o chi per lui.
Parecchio, mi girano.
Verificatemi attentamente pure quelle, perché no.


Aggiornamento del 7 dicembre
: siccome alla cialtronaggine non c’è limite, vedo che – due mesi dopo la famosa dichiarazione del preidente iraniano – se ne continua parlare nella versione “ha dichiarato urbi et orbi di voler distruggere Israele. Non di volerla combattere, militarmente o politicamente. D-i-s-t-r-u-g-g-e-r-e.

Naturalmente, non è vero.

Ma la tecnica è sempre quella: dare per vera una premessa falsa e, da lì, tirare fuori apocalittici scenari contro il solito nemico musulmano che, va’ a sapere perché, invece di pensare ai consistenti cavoli propri (o alla propria difesa, magari) passerebbe il tempo, secondo loro, a cercare di scatenare una guerra nucleare solo perché gli sta sulle balle Israele.
Tanto, si sa, i musulmani sono irrazionali, quindi non c’è bisogno di usare la logica, nell’interpretarli.

Essendo passati due mesi, poi, la gente non ricorda più i fatti e quindi la versione del Carletto Darwin di turno passa senza problemi, dal megafono (e dispiace) di Macchianera.
Rimane da capire come mai certe fregole pelosamente pro-israeliane abbiano un effetto tanto catastrofico sull’onestà intellettuale di chi ne è affetto.