A poca distanza da noi, si consuma un genocidio avvolto dalla comprensione pelosa e disgustosamente ipocrita dell’Occidente intero.

– Mentre le ruspe fanno sparire centinaia di corpi di uomini, donne e bambini;
– mentre si consumano detenzioni di massa, e l’Alta Corte d’Israele torna a ribadire la legittimità dell’uso della tortura, per cui Amnesty condanna Israele da anni;
– mentre una popolazione viene usata come scudo umano, mentre ai medici e alle ambulanze viene impedito di prestare soccorso ai feriti, mentre i detenuti scompaiono, mentre la stampa non può informare, mentre persino il Papa viene accusato di aver ricevuto, due anni fa un Arafat che continuava a chiedere al mondo un sacrosanto invio di osservatori ONU.
– E mentre, in quella Betlemme che è la LA CAPITALE DEI CRISTIANI PALESTINESI (e dove l’Autorita Palestinese aveva investito 60 milioni di dollari, buona parte in debiti, per il Giubileo, ma pensa….!!!), i francescani sono assediati, e allo stremo delle forze, assieme a 200 loro concittadini nella Basilica della Natività.

(E i giornalisti laici approfittano proprio di questo momento per insolentire il Papa dalle prime pagine dei quotidiani nazionali, e il Vaticano tace per cercare di salvare la Basilica e i suoi occupanti.)

– E mentre si gioca con lo spettro dell’antisemitismo per nascondere quello che VERAMENTE sta succedendo, ovvero il radicarsi in Occidente di un odio antiarabo che è la premessa della guerra di sterminio prossima ventura.
– E mentre, in Italia, gli attuali filoisraeliani più entusiasti sono gli eredi diretti del fascismo nostrano, e le comunità ringraziano commosse.

– E mentre tutto ciò viene legittimato da una pervicace ignoranza della storia e della geografia, e si continuano a ripetere come un mantra i luoghi comuni più ottusi (“I palestinesi non esistono, se esistono sono arabi e non dovrebbero stare lì, e poi erano pochissimi e adesso da dove sbucano, e poi se ne erano voluti andare loro e adesso che vogliono, e prima c’era il deserto e gli israeliani hanno fatto i giardini, e magari erano pure nomadi e vivevano nelle tende…”) sapendo di mentire o, nella maggior parte dei casi, con la più beata inconsapevolezza del ridicolo.

– E mentre, intanto, Londra ordina 16 milioni di dosi di vaccino contro il vaiolo, in preparazione all’attacco contro un Iraq devastato da un decennio di embargo e bombardamenti continui.

Mentre succede tutto questo, dicevo, mi sbalordisce che si possa parlare di politica concentrandosi su Berlusconi, i giudici, i ponti e le nostrane cazzate.

Mi sono rotta le palle, delle liti di qui.
Non me ne frega niente.
Vedetevela voi, basta che mi lasciate in pace.